Il giornale di Bavari e dei Bavaresi
Tuesday July 17th 2018
Blog on-line del supplemento ad AcliGenova "Il Dragobuono" magazine di attualità, politica, cultura, spiritualità edito dal Circolo A.C.L.I SanGiorgio di Bavari. Associazione laicale cristiana di promozione sociale (L.383/07-12-2000) fondata in Bavari come Società Operaia Cattolica di mutuo soccorso il 4 maggio 1913 Direzione,redazione,amministrazione: Via Benito Merlanti,3 - 16133 Genova-Bavari Recapiti telefonici:0103450785 - 0103450496 email: redazione@aclibavari.org C.F. 80101310102

Nappi: “Pronti a partire con i lavori, il ‘Taviani’ diventerà una chicca”

FILO DIRETTO CON MARCO NAPPI (Scuola Calcio FIGENPA) 

Marco Nappi

Allora, Marco, a che punto siamo? Puoi dirci se va final­mente in porto questo bene­detto progetto di rifacimento del campo “Ta­viani”?

Proprio dieci giorni fa ci è stato comunicato il conteggio degli oneri, che abbiamo già pagato; abbiamo ritirato il permesso di inizio lavori; abbiamo già fatto una riunione per il piano sicu­rezza; abbiamo scelto le im­prese a cui affidare i lavori; proprio stamattina (24 feb­braio, n.d.r.) con un socio dello Sporting Club San Giorgio, la società che gestirà il centro sportivo, abbiamo verificato che a giorni i lavori dovrebbero finalmente cominciare. È stata una cosa lunga, però, pur­troppo, come tutti sanno, quando si vuole fare qualcosa di importante, qualcosa di bello, qualcosa di nuovo, ci vuole tempo. È vero, è passato un anno e mezzo, ma noi a gennaio 2009 avevamo già firmato il contratto e pagato due anni di affitto. Ora pos­siamo veramente incominciare. Ho visto il progetto ufficiale fi­nito e ne uscirà una cosa ma­gnifica, tanto che a Genova si farà fatica a vederne di simili.

Il progetto finale corrisponde a quello presentato e diffuso a metà dicembre 2008 nel sa­lone ACLI, oppure ha subito delle modifiche?

No, assolutamente. Il progetto è quello e vedrete che verrà fuori una autentica “chicca”. Nessuno stravolgimento, nemmeno di quello che già c’è. Al posto dell’attuale baraccone verde si realizzerà un prefab­bricato con due spogliatoi e una sala riscaldamento con postazione di pronto soccorso e altre dotazioni. Dovremo spostare degli alberi di ulivo, ma li trapianteremo a qualche metro di distanza. Ripeto, verrà fuori una “chicca”.

E infatti c’è molta attesa e molto fermento in paese…

Lo capisco, è giusto, d’altronde Bavari ha bisogno di essere ri­valutato. Ci saranno partite il sabato e la domenica; tutta la settimana si svolgeranno gli allenamenti; il paese verrà ri­popolato di gente e anche gli stessi esercenti del posto avranno un riscontro positivo.

Per puro dovere di cronaca, ti informo che ultimamente cir­colavano voci circa l’apertura, sul campo, dell’ennesimo bar.

No no no, anzi. Confermo quello che avevo detto nella riu­nione al Circolo Acli. Inoltre pro­prio alla sala grande e spa­ziosa del Cir­colo Acli vorremmo ap­poggiarci, visto che potrebbe prestarsi bene per varie attività collaterali du­rante l’organizza­zione di tornei con ragazzi pro­venienti da fuori Genova. Tran­quillizzatevi. 

Quando pensi che potrà ini­ziare l’attività sportiva sul campo? 

A settembre iniziamo già con la scuola calcio. Una volta fatti spogliatoi e tutto quanto, ci sarà un campo per il calcio a undici, uno per il calcio a sette e un campo polifunzionale che noi daremo a pieno regime alla Parrocchia per i parrocchiani: con possibilità di giocare a ba­sket, pallavolo, eccetera. E fi­nalmente anch’io avrò un im­pianto in cui tenere tutti i miei ragazzi e vederli tutti quanti, non come ora che sono sparsi tra Sori, S.Desiderio e i Ba­gni Ita­lia. 

Come intendi calibrare l’uti­lizzo dell’im­pianto tra la scuola cal­cio Figenpa o per meglio dire Sporting Club San Gior­gio e gli altri sog­getti in­te­res­sati? 

La gestione sarà seguita dallo Sporting Club San Gior­gio. Anch’io come ASD “Fi­genpa scuola calcio” farò rife­rimento a loro. Ci sarà una se­greteria con un interlocutore per gestire il campo, spe­cialmente negli orari serali. Po­trà essere affit­tato anche da altri. 

Dove avete trovato le ri­sorse econo­miche per una realizza­zione del genere? 

Io devo ringraziare la Figenpa (la società finanziaria, non la scuola calcio, in questo caso), perché l’investimento che ha fatto sul progetto è stato dav­vero molto importante e one­roso. Non ab­biamo chiesto al­cun fondo al Comune. I soldi li mette Figenpa, grazie ai diri­genti Ivo Ghirlandini e Luca Paba, che stanno fa­cendo una cosa bellissima. 

Un po’ di numeri:  quanti ra­gazzi si allenano nella scuola calcio? 

Quest’anno ne ho centoventi. Abbiamo in mente di fare an­che la prima squadra, spe­riamo di partire in una catego­ria già un po’ alta, tipo Promozione o Prima Categoria, anche per dare uno sbocco alla mia scuola cal­cio. 

Quali sono le “leve calcistiche” che si allene­ranno al “Taviani”? 

Io ho le leve dal ’95 dal 2002. Ma con la formazione della prima squadra e di un settore juniores le leve chiaramente si allungheranno. 

Grazie. Alla prossima. 

Ci vediamo su! Vedrete che ci saranno moltissime partite e manifestazioni. A me piace mol­tissimo organizzare eventi anche con ex giocatori. Con l’assessore Torti della Provincia abbiamo costituito un’associazione rossoblucer­chiata. Insomma, ci sarà tan­tis­sima visibilità per il centro spor­tivo e per Bavari.



Better Tag Cloud