Il giornale di Bavari e dei Bavaresi
Thursday November 15th 2018
Blog on-line del supplemento ad AcliGenova "Il Dragobuono" magazine di attualità, politica, cultura, spiritualità edito dal Circolo A.C.L.I SanGiorgio di Bavari. Associazione laicale cristiana di promozione sociale (L.383/07-12-2000) fondata in Bavari come Società Operaia Cattolica di mutuo soccorso il 4 maggio 1913 Direzione,redazione,amministrazione: Via Benito Merlanti,3 - 16133 Genova-Bavari Recapiti telefonici:0103450785 - 0103450496 email: redazione@aclibavari.org C.F. 80101310102

Un senso di marcia per il futuro

Non cadremo nella facile tentazione del trionfalismo. «Bavari Insieme», per comune ammis­sione, anche quest’anno ha inaugurato in modo gioioso e divertente la stagione estiva. L’organizzazione, se non proprio perfetta, è stata senz’altro puntuale sotto molti punti di vista. La sinergia tra le diverse associazioni del paese ha dato ancora una volta buoni frutti e, quel che più conta, non solo e non tanto sul piano dell’agonismo e dei risultati “sportivi”, quanto più su quello della socialità e della solidarietà. Bavari, quando vuole e se vuole, c’è. Tanto meglio se questo spi­rito di partecipazione animasse i nostri concittadini anche durante le cinquantuno settimane dell’anno in cui «Bavari Insieme» sta dentro la valigia dei sogni.

L'Albo d'Oro delle dodici edizioni di di "Bavari Insieme"

Nessun trionfalismo, dunque, ma tanta legittima soddisfazione. Soddisfazione per il numeroso pubblico che ha trascorso ore liete assistendo alle prove, gare ed esibizioni proposte; soddisfazione per i partecipanti, i giocatori, i concorrenti, le decine e decine di giovani e meno giovani che si sono cimentati con le “Olimpiadi strapaesane” di Bavari. Un buon segnale di vitalismo non fine a se stesso, bensì denso di importanti valori umani, irrinunciabili per una società che voglia dirsi ed essere veramente “civile”.

Certo, non è tutto oro quello che luccica: delle dieci associazioni promotrici, solo quattro o cinque, a essere di manica larga, hanno contribuito in modo costante e coerente al successo della manifesta­zione. Ma, del resto, non è più da tempo una notizia il fatto che l’associazionismo stia attraver­sando una fase ormai prolungata di inedia e di difficoltà. Bisogna giocoforza accontentarsi di quel poco che si ha. È proprio questo “poco” che va capitalizzato ed è proprio su questo “poco” che occorre investire. Lo hanno capito bene, nell’ultimo decennio, gli aclisti di Bavari, che – forti di un’antica e onorata tradizione, quella del cattolicesimo sociale, ma poveri di mezzi e di risorse umane – hanno gradualmente ricostruito la loro storica associazione sotto il profilo sociale fino a salire sul gradino più alto di «Bavari Insieme», a simbolico ma efficace riconoscimento del buon la­voro svolto un tutto questo periodo.

Non è affatto un caso che in entrambe le edizioni del nuovo corso le due associazioni che si sono contese il titolo siano state le stesse: la P.A. Croce Azzurra e il Circolo ACLI S. Giorgio. È l’evidente attestazione di una netta superiorità, che rispecchia plasticamente la vitalità di due gruppi reciprocamente eterogenei: folto ed estremamente fidelizzato quello della Croce, più ristretto ma determi­nato e metodico quello aclista. Due stili e due approcci molto differenti, magari opposti, ambedue però validissimi alla riprova dei fatti.

Chissà, forse è proprio nel Circolo ACLI e nella Croce Azzurra che Bavari può trovare la direttrice e il senso di marcia del suo prossimo futuro.

Lascia un messaggio

Tu devi essere loggato Inserire un commento.



Better Tag Cloud