Il giornale di Bavari e dei Bavaresi
Thursday September 20th 2018
Blog on-line del supplemento ad AcliGenova "Il Dragobuono" magazine di attualità, politica, cultura, spiritualità edito dal Circolo A.C.L.I SanGiorgio di Bavari. Associazione laicale cristiana di promozione sociale (L.383/07-12-2000) fondata in Bavari come Società Operaia Cattolica di mutuo soccorso il 4 maggio 1913 Direzione,redazione,amministrazione: Via Benito Merlanti,3 - 16133 Genova-Bavari Recapiti telefonici:0103450785 - 0103450496 email: redazione@aclibavari.org C.F. 80101310102

Bavari col vento in poppa, l’Atletico si consolida

Gli amaranto a suon di gol verso un prestigioso finale di stagione; i biancoblù si segnalano come una realtà emergente. E a fine maggio il primo derby tutto strapaesano.

Una formazione dell'U.S. Bavari Calcio di questa stagione

L’US Bavari chiude al secondo posto (su dieci) un eccellente girone di qualificazione, proiettandosi verso la fase finale del torneo AICS (con la formula dell’eliminazione diret-ta) e avendo praticamente già riscattato la deludente stagione 2009/2010. Decisiva l’ultima, roboante vittoria casalinga contro l’Amico Sciung, compagine temibilissima non-ché detentrice del titolo zonale AICS.

Supportato dal tifo dei suoi immancabili e irriducibili tifosi, il settebello amaranto ha steso il quotato avversario con un secco 3-1, assicurandosi la seconda piazza – proprio alle spalle dell’Amico Sciung – e chiudendo la prima fase con un carniere di 43 punti, frutto di 14 vittorie su 18 incontri disputati (con un pareggio e tre sconfitte), 91 gol all’attivo e 40 al passivo. La difesa del Bavari è stata, in assoluto, la meno perforata; il Leone può inoltre vantare il terzo miglior attacco. Ben 50 delle 91 reti messe a segno sono state siglate dai “gemelli del gol” Fulvio “freccia dorata” Croci (29 marcature) e da Fabrizio Lastrico (21), il cui ritorno in rosa si è rivelato assolutamente determinante. Niente male nemmeno il bottino personale di Fabrizio Rolland: 15 gol portano la sua firma; e quello di Ivan Fannunza, che ha toccato quota 9. Notevole l’apporto offerto dalla “vecchia guardia”, all’interno della quale bisogna segnalare il recuperato Eugenio Taddei.

«Il nostro obiettivo» spiega mister Enrico Ratto, alla prima esperienza su una panchina così “calda” come quella del Bavari, «è quello di tagliare il traguardo degli ottavi di finale, cioè di ottenere un piazzamento tra le prime sedici squadre» (al torneo ne partecipano oltre un centinaio). La dura legge del campo ha dimostrato una volta di più che, nel mondo dilettantistico del calcio a sette, il Bavari è squadra che incute rispetto e che merita alta considerazione. Di certo darà il massimo per onorare l’obiettivo stagionale e, ne siamo certi, si impegnerà strenuamente, già in questo finale di campionato, per raggiungere un risultato di tutto prestigio.

Una formazione dell'Atletico San Giorgio Bavari di questa stagione

L’Atletico San Giorgio Bavari negli ultimi mesi ha decisamente raddrizzato le sorti di una stagione cominciata in modo alquanto altalenante. L’interminabile torneo dei Tre Pini (partito ai primi di ottobre, terminerà solo all’inizio di giugno) lo vede, al momento, ai piani alti del girone B. In modo un po’ paradossale, la squadra biancoblù ha inciampato più frequentemente contro squadre – classifica alla mano – di livello inferiore, mentre ha quasi sempre offerto prestazioni niente male contro i primi della classe. Purtroppo, la stagione è stata costellata da seri infortuni, che hanno messo fuori causa per l’intero campionato prima la punta Alessio Russo, poi capitan Paolo Musetti, due assenze che hanno finito per pesare molto nell’economia della squadra e nel proseguo del campionato.

«L’obiettivo che ci eravamo prefissi a settembre» dicono i responsabili dello staff tecnico/dirigenziale «era di dare un assetto più solido alla squadra, possibilmente migliorandone l’andamento e i risultati. Grazie all’impegno dei ragazzi, specialmente di quanti fra loro all’Atletico San Giorgio hanno dedicato con sistematicità tempo ed energie, ci sembra che l’obiettivo sia stato raggiunto. Siamo soddisfatti».

A fine maggio si svolgerà molto probabilmente il primo “derby” tra il Bavari e l’Atletico San Giorgio: una partita amichevole, programmata sul campo di San Desiderio in data ancora da concordare, che vedrà affrontarsi – in una lotta almeno sulla carta impari – il blasonato team amaranto e la giovane “squadra operaia” biancoblù. Siamo sicuri che, al di là della voglia di vincere e di ben figurare, a trionfare sarà lo sport sociale, quello autentico, che non muove i quattrini e gli interessi economici, ma che scalda i cuori e fonda legami di amicizia e di fraternità. E che vinca il migliore, dunque, anche se quelli dell’Atletico San Giorgio a queste parole forse replicherebbero con un sardonico: «Speriamo di no».

ALESSANDRO MANGINI

Lascia un messaggio

Tu devi essere loggato Inserire un commento.



Better Tag Cloud