Il giornale di Bavari e dei Bavaresi
Friday December 6th 2019
Blog on-line del supplemento ad AcliGenova "Il Dragobuono" magazine di attualità, politica, cultura, spiritualità edito dal Circolo A.C.L.I SanGiorgio di Bavari. Associazione laicale cristiana di promozione sociale (L.383/07-12-2000) fondata in Bavari come Società Operaia Cattolica di mutuo soccorso il 4 maggio 1913 Direzione,redazione,amministrazione: Via Benito Merlanti,3 - 16133 Genova-Bavari Recapiti telefonici:0103450785 - 0103450496 email: redazione@aclibavari.org C.F. 80101310102

Guardia 2013, con al centro la famiglia

Bagnasco a Bavari: “Riscoprire la fede dei padri. La famiglia è la palestra dell’amore”

Un momento della processione del 25 agosto

Anche quest’anno, Bavari ha onorato la Celeste Guardiana con tutta una serie di manifestazioni a carattere religioso e non solo, svoltesi nell’ultima decade di agosto. Dal 20 al 28, alla mattina e alla sera, è stata predicata la novena in preparazione alla ricorrenza dell’apparizione. Domenica 25 ago­sto è stata celebrata la festa di San Bernardo di Chiaravalle, titolare della locale Confraternita (risa­lente alla seconda metà del XVI secolo): la mattina è stata celebrata una santa messa nell’oratorio di via Bolano, cui ha fatto seguito, il pomeriggio, la tradizionale “casaccia”, la proces­sione devo­zionale che ha attraversato le vie del paese, con l’arca della Madonna della Guardia e i crocifissi abilmente trasportati dai “cristezzanti”, fino alla località Madonnetta. Al ritorno, è stata im­partita a tutti i partecipanti la benedizione eucaristica.

Mercoledì 28, nel pomeriggio, hanno avuto luogo sul piazzale del santuario alcuni giochi a tema ri­volti a bambini e ragazzi, a cura dell’oratorio parrocchiale. La sera, alle 22.30, la cima della Serra è stata illuminata dal classico e apprezzato spettacolo pirotecnico, al quale hanno assistito diverse centinaia di persone, e che è stato reso possibile da quei solerti parrocchiani che, armati di falcia­trice e di rastrello, hanno rasato mezzo ettaro di superficie erbosa, nell’area prescelta per il lancio dei fuochi artificiali.

Giovedì 29 agosto, festività della Madonna della Guardia, il santuario, adornato di un elegante ad­dobbo floreale, è stato meta, da mattina a sera, di un ininterrotto pellegrinaggio di fedeli prove­nienti, oltreché da Bavari e frazioni limitrofe, dalle borgate e dai quartieri della media Val Bisagno e della Valle Sturla. Alle 11.30 è stata celebrata una speciale funzione eucaristica per le coppie di sposi che quest’anno compiono il 25° o il 50° anniversario di matrimonio; alle 16.30 si è svolta la messa per i bambini e i ragazzi, sempre molto partecipata; finché, alle 18.30, è stato salutato con gioia l’arrivo del Cardinale Arcivescovo Angelo Bagnasco, che ha officiato il solenne pontificale con cui la giornata ha raggiunto il suo culmine. Ad accoglierlo, il vice-parroco p. Guido Galassi (il par­roco p. Riccardo Saccomanno era impegnato a Roma per il capitolo generale della congrega­zione dei Servi del Cuore Immacolato di Maria, di cui fa parte) insieme al vicario di zona don Gianni On­tano, ad altri sacerdoti, a numerosi parrocchiani e pellegrini, alle rappresentanze delle as­sociazioni cattoliche parrocchiali (Confraternita S. Bernardo, Adulti di Azione Cattolica, Circolo ACLI S. Gior­gio) e della P.A. Croce Azzurra. Nel suo indirizzo di saluto, p. Guido, nel dare il ben­venuto all’Arcivescovo di Genova, ha ricordato che quest’anno la festa di N.S. della Guardia a Ba­vari era ulteriormente impreziosita dalla concomitanza con il novantesimo anniversario di fon­dazione dell’attuale santuario, sorto e consacrato nel 1923.

Nella sua omelia, il Card. Bagnasco, compiaciuto per l’alta partecipazione popolare (attestata an­che, nell’occasione, da una buona frequenza ai sacramenti), ha ribadito il valore fondamentale di una fede coerentemente vissuta, richiamando l’esempio di coloro che, secoli addietro, unicamente mossi dall’amore per Dio, costruirono con le loro mani e con il sudore della loro fronte nuovi templi, per il culto divino, per l’edificazione morale del popolo cristiano, per raf­forzare i legami spirituali e sociali delle comunità. La figura di Maria, madre di Cristo e della Chiesa, non può essere disgiunta – ha affermato l’Arcivescovo – dal tema della famiglia, invitando i credenti a riscoprirne la centralità sia per l’armonico sviluppo della persona umana, sia per la co­struzione di una società coesa e so­lidale, veramente umana, secondo il progetto di Dio.

Il Cardinale Angelo Bagnasco, Arcivescovo di Genova

«La famiglia – questo il fulcro delle parole pronun- ciate dal Cardinale – è palestra quotidiana dell’ amore. È la comunità originaria, il luogo dove impariamo ad avere fiducia in noi stessi perché sentiamo che qualcuno conta su di noi. Dove scopriamo che cosa vuol dire amare perché ci sentiamo amati; che cosa sono i rapporti perché si vive gli uni accanto agli altri, ma soprattutto uniti in una comunità di vita e di destino». A questo proposito, ha aggiunto ancora, l’arcidiocesi di Genova dedicherà il prossimo anno pastorale proprio alla promozione della fami­glia: i cristiani laici, singoli e associati, saranno tutti invitati a portare un contributo personale su un argomento che riguarda tutti da vicino.

Al termine della funzione, allietata dal canto dei ragazzi del Vicariato Valle Sturla-S.Martino (nel quale è inserita la parrocchia di Bavari), sono cominciati i preparativi per il concerto musicale che ha concluso, sul piazzale del santuario, l’impegnativa giornata. Dalle 21.30 alle 23.30 la band Rock ‘n Pop di S. Rocco di Vernazza ha intrattenuto piacevolmente i presenti con un applaudito pro­gramma di musica leggera. Nella circostanza, p. Guido Galassi ha ringraziato di cuore tutti i colla­boratori che con l’aiuto prestato gli hanno permesso di fare fronte a un’organizzazione così lunga e complessa. Infine, sono stati estratti i numeri vincenti della sottoscrizione a premi collegata alla festa, resa possibile dalla generosità di oltre quindici sponsor.

ALESSANDRO MANGINI

Lascia un messaggio

Tu devi essere loggato Inserire un commento.



Better Tag Cloud