Il giornale di Bavari e dei Bavaresi
Friday February 23rd 2018
Blog on-line del supplemento ad AcliGenova "Il Dragobuono" magazine di attualità, politica, cultura, spiritualità edito dal Circolo A.C.L.I SanGiorgio di Bavari. Associazione laicale cristiana di promozione sociale (L.383/07-12-2000) fondata in Bavari come Società Operaia Cattolica di mutuo soccorso il 4 maggio 1913 Direzione,redazione,amministrazione: Via Benito Merlanti,3 - 16133 Genova-Bavari Recapiti telefonici:0103450785 - 0103450496 email: redazione@aclibavari.org C.F. 80101310102

Anno che viene, anno che va

Bavari, 31 dicembre: prospettive e retrospettive.

Ci lasciamo alle spalle un 2013 così così, nella speranza – esile e leopardianamente contestabilis­sima – che il 2014 sia (un po’) meglio. Vedremo. Per Bavari è stato un anno importante: il du­plice centenario delle due ex società operaie (la S.M.S. e il Circolo A.C.L.I.); il novantennale del santua­rio della Guardia; il 35° anniversario del Gruppo Donatori Sangue della Croce Azzurra; il decen­nale dell’U.S. Bavari Calcio. Dimentico qualcosa? Non è quasi passato mese senza che si celebrasse qualche lieta ricor­renza. E meno male.

Una delle tante manifestazioni sociali svoltesi nel 2013 a Bavari

La vita sociale è stata, come al solito, animata dalle diverse associazioni (e dalla parroc-chia), singo­larmente e in sinergia. Basti ricordare, tra gli eventi organizzati in rete, il rinato Carosezzo carne­valesco di febbraio, le Olimpiadi Strapaesane di settembre e la Corrida di novembre, tutti tar­gati «Bavari Insieme» e svoltisi sotto la sapiente regia del coordinatore Fabio Padoan e dei suoi sem­pre validi e motivati collaboratori. Ha chiuso l’anno la classica Festa di Natale allestita da ACLI, Genoa Club e Oratorio parrocchiale, con l’importante corollario della consegna dei doni ai pic­coli degenti dell’ospedale “Gaslini”, cui ha fatto immediatamente seguito, una settimana dopo, un bel concerto di musica blues ospitato e patrocinato dal Circolo A.C.L.I.; un’iniziativa che ha ri­scosso un notevole successo ed è servita a raccogliere fondi in favore dell’Associazione per la ri­cerca sui tumori cerebrali del bambino (http://www.artuceba.org/). L’utile, oltre al dilettevole, in­somma. In uno spirito di solidarietà non dissimile da quello che permea e guida, ogni giorno, l’immarcescibile Croce Azzurra, un chiaro vanto e una preziosissima risorsa per la nostra piccola comunità, e non soltanto per questa.

Lo stemma del Municipio Levante, cui appartiene una porzione del territorio dell’antico Comune di Bavari

Sul piano politico-amministrativo, si registrano segnali ambivalenti. La mancata apertura della sezione primavera è stata la conseguenza non solo di una gestione abbastanza pedestre da parte del Comune, ma anche – non bisogna nasconderlo – del diffuso disinteresse dimostrato da molte famiglie verso questo servizio, prima invocato a gran voce e poi, in sostanza, ignorato. Le gere­miadi stanno a zero, se poi, all’atto pratico, non si coglie l’occasione quando essa si presenta. Sono in corso lavori per il progressivo allaccio alla rete nera di tutta una porzione di abitato che li attendeva da tempi immemorabili; si sta mettendo lentamente mano a un graduale migliora­mento della viabilità e della sicurezza stradale; presto, probabilmente, si dovrà avviare un dibat­tito sulla riconfigurazione del trasporto pubblico locale in rapporto alle zone collinari: sarà impor­tante riuscire a concertare soluzioni costruttive, non penalizzanti e non pasticciate; si è portata avanti, in sede di discussione del nuovo P.U.C., un’istanza intesa a ottenere un miglior presidio del ter­ritorio consentendo la costruzione di un modesto numero di nuovi nuclei abitativi con 3000 m2 asser­viti di cui 1500 contigui all’edificato. Tale scelta permetterebbe la realizzazione di abitazioni di ristrette dimensioni, di tipo unifamiliare, ben inserite nel contesto paesistico esistente; dando inol­tre la possibilità a un certo numero di gio­vani, in pro­cinto di uscire dalla famiglia d’origine, di mante­nere la propria residenza in questa delegazione, ca­ratterizzata da un’alta vivibilità sociale e da pro­fondi legami tra le persone e le genera­zioni.

BUON ANNO NUOVO!

Si potranno vedere dei risultati solo se gli amministratori non saranno lasciati soli. è più che mai necessario un nuovo protagonismo civile da parte dei cittadini: la buona pratica di una cittadi­nanza attiva che non si fermi al sociale e al ricreativo, campi di attività pur degni e rilevanti, ma che si estenda anche all’impegno concreto per il bene comune del quartiere, del municipio e della città. Ciò è possibile perché Bavari ne ha le forze; ma dovrà, senza dubbio, compiere lo sforzo di vincere la cronica tentazione dell’auto-referenzialità, al fine di non rimanere rinchiuso entro il pro­prio angusto perimetro e di aprirsi all’esterno e a nuove dinamiche operative e relazionali. È una semplice lezione di grammatica civile (e dello spirito): da bravi scolari sui banchi della vita, ab­biamo appreso egregiamente il complemento di stato in luogo; il passo successivo è di imparare altret­tanto bene quello di moto a luogo. Sarà poi il turno di tutti gli altri complementi.

Buon 2014 a tutti.

ALESSANDRO MANGINI

Lascia un messaggio

Tu devi essere loggato Inserire un commento.



Better Tag Cloud