Il giornale di Bavari e dei Bavaresi
Sunday July 12th 2020
Blog on-line del supplemento ad AcliGenova "Il Dragobuono" magazine di attualità, politica, cultura, spiritualità edito dal Circolo A.C.L.I SanGiorgio di Bavari. Associazione laicale cristiana di promozione sociale (L.383/07-12-2000) fondata in Bavari come Società Operaia Cattolica di mutuo soccorso il 4 maggio 1913 Direzione,redazione,amministrazione: Via Benito Merlanti,3 - 16133 Genova-Bavari Recapiti telefonici:0103450785 - 0103450496 email: redazione@aclibavari.org C.F. 80101310102

Via Shelley, forse è la volta buona (2)

Un ordine del giorno del PD in Municipio “inchioda” il Comune alle sue responsabilità non solo in materia di viabilità, ma anche di sicurezza.

Via Shelley torna a far parlare di sé. L’ormai arcinota vicenda riguardante la strada di collegamento tra via Monaco Simone e Corso Europa, realizzata ma mai aperta a causa di una battaglia a colpi di carte bollate durata decenni, forse è a una svolta.

Il gruppo PD del Municipio Levante, per iniziativa del capogruppo Gianni Calisi, ha presentato in Consiglio, il 18 marzo, un ordine del giorno su via Shelley, integrativo del Piano Triennale dei Lavori Pubblici sul quale il Comune aveva chiesto il parere ai nove Municipi cittadini. L’o.d.g. è stato approvato all’unanimità, ottenendo quindi il voto favorevole anche di quelle forze politiche, specialmente di estrema sinistra, che in passato avevano manifestato forti perplessità (o aperta contrarietà) in proposito.

Del resto, si legge nel documento approvato dal Municipio, già tra gli interventi previsti nel piano degli investimenti del Comune di Genova per lo scorso anno 2013 figura la realizzazione della nuova viabilità di collegamento tra il Corso Europa e Via Monaco Simone, con uno stanziamento di euro 5.146.947.

Gianni Calisi, capogruppo PD nel Municipio Levante

«Inoltre – precisa Calisi, lasciando capire che si tratta di un elemento decisivo – l’intervento permetterà di mettere in sicurezza il tratto di tombinatura del rio Penego, che, come si è ancora evidenziato nei giorni 8 e 9 novembre 2013, non è più in grado di svolgere la propria funzione a causa del crollo parziale della parte privata della tombinatura stessa (circostanza che ha dato avvio ad un procedimento di polizia idraulica da parte della Provincia di Genova, con i conseguenti obblighi per il Comune). Si sono così accentuate le ragioni di urgenza dettate dal rischio idrogeologico costituito dalla attuale tombinatura».

A chi obietta che poco tempo fa una sentenza del T.A.R. (n. 1574/2013) aveva, per l’ennesima volta, bloccato tutto, il capogruppo PD, di professione avvocato, replica: «La sentenza del T.A.R. Liguria, pur annullando per un vizio formale gli atti posti in essere dal Commissario ad acta (siccome nelle more non più legittimato), ha tuttavia confermato che gli atti istruttori sono validi per il Comune, che quindi li può riassumere e fare propri». Come dire: la forma è da rivedere, ma la sostanza resta valida.

Via Shelley, da tempo realizzata, ma senza sbocco veicolare in Corso Europa

L’urgenza prioritaria di tale opera è stata più volte ribadita, principalmente per consentire un collegamento viario più sicuro e rapido con l’abitato di Apparizione, nonché per favorire una maggiore fluidità di traffico in via Posalunga e in via Tanini, nella zona di Borgoratti, soprattutto nelle ore di punta. Un beneficio di cui godrebbero le migliaia di conducenti che, ogni giorno, percorrono via alla Chiesa San Giorgio di Bavari, scollinando dalla Val Bisagno per raggiungere il Levante genovese. L’intervento in questione, peraltro, è atteso da più di trent’anni e costituisce un impegno politico preciso, più volte assunto dall’allora Circoscrizione di Quarto e confermato dall’attuale Municipio Levante.

Il percorso da mettere in atto sembra perciò poco meno che obbligato. La Giunta Comunale, a questo punto, dovrebbe adottare senza ulteriori indugi i provvedimenti amministrativi utili per dare inizio, entro il 31 dicembre prossimo, alla contestuale realizzazione della strada di collegamento ed alla messa in sicurezza della tombinatura del rio Penego.

LORENZO PERINOT

Lascia un messaggio

Tu devi essere loggato Inserire un commento.



Better Tag Cloud