Il giornale di Bavari e dei Bavaresi
Sunday April 22nd 2018
Blog on-line del supplemento ad AcliGenova "Il Dragobuono" magazine di attualità, politica, cultura, spiritualità edito dal Circolo A.C.L.I SanGiorgio di Bavari. Associazione laicale cristiana di promozione sociale (L.383/07-12-2000) fondata in Bavari come Società Operaia Cattolica di mutuo soccorso il 4 maggio 1913 Direzione,redazione,amministrazione: Via Benito Merlanti,3 - 16133 Genova-Bavari Recapiti telefonici:0103450785 - 0103450496 email: redazione@aclibavari.org C.F. 80101310102

La Madonna di Fatima, pellegrina a Genova (e a Bavari) per incontrare i giovani

Un itinerario di fede e devozione attraverso la città dal 24 marzo al 9 aprile con solenne conclusione al Santuario mariano di Bavari la sera della Domenica delle Palme

Sabato 4 marzo, al consueto pellegrinaggio diocesano del 1° sabato del mese al Santuario N. S. della Guardia, a nome di Mons. Anselmi ho dato l’annuncio di una grande iniziativa  e cioè l’arrivo della Madonna Pellegrina di Fatima a Genova per un grande “tour” cittadino dal 24 marzo al 9 aprile, proprio nell’anno in cui ricorre il CENTENARIO DELLE CELEBRI APPARIZIONI.

Il vescovo ausiliare mons. N. Anselmi accoglie la statua della Madonna pellegrina

La caratteristica di questa grande “Peregrinatio” è che è stata pensata soprattutto per i giovani, d’accordo con Mons. Nicolò Anselmi e tutti i responsabili della Missione giovanile “Gioia Piena”. Anche la data fissata non è casuale: inizia con la festa dell’Annunciazione, giorno in cui una giovane ha cambiato il corso della storia con il suo Sì a Dio (ricordiamo che la Madonna era poco più che adolescente) e termina la Domenica delle Palme, giorno scelto da San Giovanni Paolo II come prima Giornata Mondiale della Gioventù perché simbolo della gioia dei giovani nell’accogliere il Signore.

Devo ammettere che è stata proprio la “Bianca Signora” a farsi strada nei meandri della nostra città, già a partire dalla scelta del “monte”, cioè da un luogo di preghiera un po’ appartato dove radunare tutti i giovani missionari per ricevere un nuovo ardore e ardire per la “missione”, ed esattamente sul Monte Fasce per un ritiro/bivacco il 24-25 marzo al termine del quale i giovani missionari si sono affidati al Cuore Immacolato di Maria, guidati dal vescovo ausiliare Mons. Anselmi.

Il programma della Peregrinatio Mariae a Bavari (clicca per ingrandire)

La Madonna poi è “calata” in città, nella mischia della vita di tutti i giorni e ha scelto di iniziare passando per un importante luogo “simbolo” della devozione mariana dei genovesi, cioè il Santuario della Madonnetta, proprio il 25 marzo, giorno del 380° anniversario della prima consacrazione della Città e della Repubblica Genovese a Maria Santissima. In quel giorno si è rinnovata, alla presenza anche delle autorità civili, tale solenne consacrazione della Città alla Celeste Regina.

Finora la Madonna Pellegrina di Fatima ha raggiunto e visitato: la Parrocchia di San Teodoro a Dinegro; la Parrocchia dell’Immacolata a Pegli; la Basilica dell’Assunta a Sestri Ponente; la Basilica della Ss.ma Annunziata del Vastato in Centro; la Parrocchia dell’Annunziata a Sturla; la Chiesa del Gesù in Centro; Piazza San Lorenzo, con un concerto canoro del gruppo musicale giovanile di Padova “Esperanza”; la Chiesa di San Donato; la Parrocchia dei ss. Cosma e Damiano di Prato; la Parrocchia s. Pio X di Albaro; la Parrocchia s. Siro di Nervi. La sacra effigie inoltre visiterà, a partire da giovedì 6 aprile, la Parrocchia di san Bartolomeo della Certosa a Rivarolo; venerdì 7, l’Istituto Don Bosco di Sampierdarena; il Santuario del Belvedere; la Parrocchia S. Maria della Cella (sempre in Sampierdarena); sabato 8 raggiungerà la Chiesa di S. Giovanni di Pré nel centro storico e, in serata, la Cattedrale di San Lorenzo per una veglia al termine della quale il cardinale arcivescovo Angelo Bagnasco officerà la consacrazione dei giovani al Cuore Immacolato di Maria.

Infine, domenica 9 aprile (domenica delle Palme), la Madonna Pellegrina passerà ancora nella Parrocchia dell’Assunta di Bargagli e concluderà il suo itinerario a Bavari, nel Santuario di N.S. della Guardia, dove si svolgerà la solenne funzione serale, comprensiva di processione per le vie del paese, alla presenza di S.Ecc. il vescovo emerito Martino Canessa.

In tutte le tappe del suo pellegrinaggio la Madonna è e sarà accompagnata dai membri del Movimento Famiglia del Cuore Immacolato di Maria  che curano l’animazione di vari momenti di preghiera e gli spostamenti da un luogo all’altro della Sacra Effigie.

P. Riccardo, al Monte Fasce, guida la processione con la sacra effigie

Questa intensa presenza “mariana” a ridosso di due grandi eventi per la nostra città (il recente Congresso Eucaristico e la prossima venuta del Papa) ci fa ricordare il famoso “sogno delle due colonne” di Don Bosco del lontano 30 maggio 1862: in sintesi il grande Santo dei Giovani aveva visto la Chiesa di Gesù Cristo rappresentata da una grande nave che incedeva lentamente in un mare tempestoso e ricco di tante insidie, compreso l’attacco di vascello nemici. La nave aveva come timoniere il Papa, anche lui oggetto di attacchi, fino ad essere colpito a morte. La salvezza viene nel momento più tragico:

  • un vento “misterioso” che ripara le falle;
  • la prontezza dei cardinali nel darsi un nuovo timoniere;
  • lo stagliarsi all’orizzonte di due colonne luminose: una sormontata dall’Eucarestia e l’altra dalla Vergine Immacolata;
  • con l’attracco alle due colonne ritorna la bonaccia e la pace perché la Chiesa è approdata al suo porto sicuro!

Possa anche questa venuta fra noi della Sacra Effigie di Fatima esser di aiuto per tutti, soprattutto per i giovani in questo anno particolare a loro dedicato con la Missione dei Giovani  “GIOIA PIENA” e incoraggiarci per rimanere saldamente nella Chiesa, guidata dal Papa, e attraccarci alle colonne della Salvezza: l’EUCARESTIA e il CUORE IMMACOLATO DI MARIA!

p. RICCARDO SACCOMANNO Icms

Lascia un messaggio

Tu devi essere loggato Inserire un commento.



Better Tag Cloud