Il giornale di Bavari e dei Bavaresi
Monday February 19th 2018
Blog on-line del supplemento ad AcliGenova "Il Dragobuono" magazine di attualità, politica, cultura, spiritualità edito dal Circolo A.C.L.I SanGiorgio di Bavari. Associazione laicale cristiana di promozione sociale (L.383/07-12-2000) fondata in Bavari come Società Operaia Cattolica di mutuo soccorso il 4 maggio 1913 Direzione,redazione,amministrazione: Via Benito Merlanti,3 - 16133 Genova-Bavari Recapiti telefonici:0103450785 - 0103450496 email: redazione@aclibavari.org C.F. 80101310102

Padre Riccardo trasferito a Pisa, in autunno nuovo parroco per Bavari

La notizia, inaspettata, ha destato grande sorpresa, ma si tratta di normale avvicendamento. Il succes­sore sarà p. Ennio Castellano, 57 anni, proveniente dalla parrocchia della provincia pisana dove si stabilirà p. Riccardo.

Tra poco più di due mesi padre Riccardo Saccomanno non sarà più parroco di Bavari. Dopo circa nove anni e mezzo (prese possesso il 27 aprile 2008) l’Istituto di cui fa parte, i Servi del Cuore Immacolato di Maria (Icms), ha deciso di destinarlo a un’altra comunità, a Cerretti, frazione del comune di Santa Maria a Monte in provincia di Pisa.

È stato lo stesso padre Riccardo a darne notizia ai parrocchiani durante le funzioni di metà luglio. «Dopo un iniziale momento di riflessione» ha spiegato «ho dato il mio assenso di fede alla richiesta, che rientra nel normale svolgersi della nostra vita religiosa e più passa il tempo, più colgo che il Signore ci chiede questo cambio per un maggior bene di tutti, nonostante la inevitabile fatica umana». Naturalmente tanto il Cardinale Angelo Bagnasco, quanto il Vescovo ausiliare mons. Nicolò Anselmi, quali massimi responsabili dell’arcidiocesi, sono stati subito portati a conoscenza della novità.

Padre Ennio Castellano

Il nuovo parroco di San Giorgio di Bavari sarà padre Ennio Castellano Icms (anch’egli, come padre Riccardo, classe 1960), finora a capo della comunità di Cerretti, con all’attivo una grande esperienza di pastorale parroccchiale.

Il cambio della guardia si compirà tra la fine di settembre e l’inizio di ottobre. Padre Castellano sarà presente a Bavari già a fine agosto, in occasione delle feste patronali della Madonna della Guardia, così da avere un primo approccio con il nuovo ambiente, in un momento particolarmente intenso della vita parrocchiale.

Sebbene si tratti di un avvicendamento del tutto ordinario (di norma, la durata del ministero dei confratelli non parroci in una data località si attesta, in media, sui tre anni), la notizia ha colto un po’ di sorpresa i par­rocchiani, per molti dei quali p. Riccardo era ormai diventato una figura centrale e un punto di riferimento.

Dopo nemmeno dieci anni, dunque, la parrocchia cambia timoniere. E per la prima volta nella sua storia, avrà un parroco proprio “foresto”. Non genovese, né ligure, né basso-piemontese (l’arcidiocesi di Genova comprende un lembo di provincia di Alessandria: di lì proveniva don Grosso), ma avellinese per nascita, an­corché piemontese d’adozione (la sua famiglia emigrò a Torino quando il futuro padre Ennio era ancora molto piccolo).

Eppure, questo è un dettaglio in fondo irrilevante, in una Chiesa la cui vocazione prioritaria, secondo l’insegnamento di papa Francesco, è quella di porsi ecumenicamente “in uscita”, ossia pronta a mettersi in gioco andando incontro agli uomini e alle donne del nostro tempo e condividendone, alla luce del Vangelo, «le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce», senza badare affatto al “da dove si viene” ma scommet­tendo tutte le proprie carte sul “dove insieme si va”.

(Redazione)

Lascia un messaggio

Tu devi essere loggato Inserire un commento.



Better Tag Cloud