Il giornale di Bavari e dei Bavaresi
Wednesday November 14th 2018
Blog on-line del supplemento ad AcliGenova "Il Dragobuono" magazine di attualità, politica, cultura, spiritualità edito dal Circolo A.C.L.I SanGiorgio di Bavari. Associazione laicale cristiana di promozione sociale (L.383/07-12-2000) fondata in Bavari come Società Operaia Cattolica di mutuo soccorso il 4 maggio 1913 Direzione,redazione,amministrazione: Via Benito Merlanti,3 - 16133 Genova-Bavari Recapiti telefonici:0103450785 - 0103450496 email: redazione@aclibavari.org C.F. 80101310102

«Habemus parochum»: l’ingresso di padre Ennio Castellano a Bavari

Quando, nel tardo pomeriggio di sabato 21 ottobre, il vescovo ausiliare di Genova mons. Nicolò Anselmi lo ha invitato ad assidersi sulla sede arcipresbiterale della Pieve di San Giorgio, padre Ennio Castellano è diventato, a tutti gli effetti e con tutti i crismi, il nuovo parroco di Bavari, salutato dal lungo applauso dei nuovi parrocchiani nonché dei molti ex parrocchiani di Cerretti, piccolo borgo in provincia di Pisa, strettisi attorno a lui in questo importante momento di passaggio.

La bella e suggestiva cerimonia di “ingresso” è cominciata alle 17 nel santuario di N.S. della Guardia, con un omaggio alla Santa Vergine, dopo il quale i presenti (circa duecento persone), disposti in corteo processionale aperto dal crocifisso “bianco” dell’Oratorio San Bernardo portato dai cristezzanti, sono scesi dal colle della Serra fino alla sottostante chiesa parrocchiale. Lì è stato celebrato il vero e proprio rito dell’insediamento.

Il vescovo Anselmi, a nome dell’arcivescovo Genova card. Angelo Bagnasco, impossibilitato a presenziare, sulla soglia della chiesa ha consegnato a padre Castellano le chiavi della parrocchia, rivestendolo al contempo della stola per la celebrazione dei sacramenti. All’interno poi le solenni note gregoriane del «Veni, Creator Spiritus» sono risuonate per invocare l’assistenza dello Spirito Santo per il nuovo parroco e la comunità ecclesiale.

P. Ennio rivolge il suo saluto ai parrocchiani

Padre Ennio è stato accolto con un messaggio di saluto letto, a nome di tutti, da un rappresentante della Confraternita San Bernardo (vedi in calce all’articolo). All’offertorio i bambini e ragazzi della scuola di catechismo gli hanno recato in dono alcuni pensieri. I parrocchiani gli hanno fatto omaggio di una nuova stola finemente ricamata.

Nel suo primo discorso, il nuovo parroco ha voluto ricordare il confratello e predecessore padre Riccardo Saccomanno, trasferito ad altro incarico, e ha invitato tutti a camminare insieme sorretti dai valori della fede e della carità.

Alla funzione erano presenti, oltre alle delegazioni delle associazioni cattoliche bavaresi (Confraternita, Circolo Acli e Azione Cattolica) e della Famiglia del Cuore Immacolato di Maria (l’istituto di cui fanno parte i religiosi attivi a Bavari), il sindaco del comune di S. Maria al Monte (di cui Cerretti è frazione) Ilaria Parrella con il vicesindaco Manuela Del Grande, il presidente del Municipio IX di Genova-Levante Francesco Carleo con l’assessore Patrizia Arrighetti, il consigliere comunale di Genova Claudio Villa. Erano presenti inoltre diversi esponenti del clero, tra cui il parroco di Apparizione don Rosario Fazio (vicario di zona) e di Fontanegli e San Siro di Struppa don Matteo Firpo; non mancava inoltre don Giorgio Rivarola, parroco a Manesseno, ma nativo del vicino paese di Fontanegli e assai ben conosciuto nei dintorni.

Terminata la funzione, un familiare ma abbondante rinfresco allestito nella sala polivalente del Circolo Acli ha posto la parola fine alla gioiosa giornata, che entra di diritto nell’ormai più che millenaria storia della parrocchia di Bavari.

(Redazione)

DISCORSO DI SALUTO AL VESCOVO AUSILIARE

E DI BENVENUTO A PADRE ENNIO CASTELLANO

Eccellenza,

siamo lieti e onorati di averla qui in mezzo a noi. Per suo tramite oggi la comunità parrocchiale di Bavari ha il piacere di ricevere e accogliere padre Ennio Castellano come suo nuovo pastore. Alla ma­linconia per il distacco dal caro padre Riccardo, chia­mato ad altro incarico, subentra ora la gioia di avere in mezzo a noi un altro sacerdote, che va a inserirsi nella lunga serie degli arcipreti di San Giorgio di Ba­vari.

Padre Ennio troverà qui, in grembo a queste colline a ridosso sul mare, una parrocchia piccola ma antichissima, ricca di 1500 anni di storia, e per questo straordinariamente legata alle sue tradizioni, prima fra tutte il culto della Madonna della Guardia, la celeste patrona che veneriamo con profondo af­fetto e grande slancio di fede fin dal XVII secolo.

Troverà, ad affiancarlo e a collaborare con lui, oltre agli organi ecclesiali previsti dal diritto ca­no­nico (il consiglio pastorale e quello per gli affari economici) e a una scuola di catechismo vivace e partecipe, tre aggregazioni laicali cattoliche, ciascuna por­tatrice di un particolare carisma: la Confra­ternita di San Bernardo, eretta attorno alla metà del XVI secolo; il Circolo Acli San Giorgio, fondato nel 1913 come società operaia cattolica; il gruppo adulti di Azione Catto­lica, presente da poco più di un quindicennio.

Troverà altresì, in seno alla società civile, un associazionismo laico quanto mai maturo, attivo e variegato, a partire, in primo luogo, dalla benemerita Pubblica Assistenza Croce Azzurra, alla cui na­scita concorse, nell’ormai lontano 1956, l’indimenticabile don Guglielmo Grosso, per i meno giovani di noi ö sciû arçipræve, parroco di Bavari dal secondo dopoguerra alla fine del secolo scorso.

Troverà una comunità non di perfetti, ma di persone in cammino. Una comunità solerte e labo­riosa, che con l’impegno concreto, spesso con il sudore della fronte, non solo a parole, eleva a Dio la sua preghiera di lode e di supplica.

Troverà tanto terreno da coltivare con il seme della Parola e da abbeverare con l’acqua della Grazia. Troverà probabilmente anche qualche ferita da curare e qualche “periferia esistenziale”, come le chiama papa Francesco, da esplorare, da comprendere, da illuminare.

Eccellenza, come per suo tramite noi accogliamo il nuovo parroco, così, sempre per suo tra­mite, deside­riamo porgere il nostro deferente saluto a Sua Eminenza il Cardinale Arcivescovo Angelo Bagnasco, che in passato ha manifestato tante volte la sua stima e la sua vicinanza nei confronti di que­sta parrocchia. Di­ciamo il nostro grazie a lui e a lei, per la vostra comune opera pastorale: siete il segno della nostra unione con la chiesa locale e della chiesa locale con la chiesa universale.

A lei, padre Ennio, nuovo parroco-arciprete, il nostro più sincero e caloroso benvenuto. Siamo certi che, come tanti suoi predecessori in questa sede, ben presto anche lei rimarrà conquistato da que­sta parrocchia e da questo paese. Siamo fiduciosi che, con l’aiuto di Dio nostro Signore e sotto lo sguardo ma­terno della Vergine Maria, potremo, tutti insieme, adoperarci per il bene della Chiesa e dei fratelli, a gloria di Cristo e del suo Vangelo.

Iddio sia con noi e ci benedica.

FOTOGALLERY


Lascia un messaggio

Tu devi essere loggato Inserire un commento.



Better Tag Cloud